Il Blog di Stuzzicadentity

marketing trump clinton

I sondaggi positivi, l’appoggio di tutti i giornali americani, di tutte le star americane, gli incredibili video emozionali e la montagna di milioni di dollari spesi dalla Clinton (molti di più di quelli spesi da Trump) ci avevano fatto immaginare un altro esito delle elezioni.

Avrebbe dovuto vincere Hillary. Eppure ha vinto Trump.

Tutti i titolari d’azienda con cui ho parlato oggi tra una telefonata e l’altra si son fatti la stessa domanda:

“ma come diavolo ha fatto una persona senza esperienza in politica a battere Hillary Clinton?”

 

Nessuno poteva prevedere un risultato simile e ci mancherebbe. I sondaggi sono stati palesemente sbagliati ad esempio. Eppure (da tempo) tra gli esperti di marketing, quello VERO e SCIENTIFICO, ci si era accorti dei tanti errori della Clinton (e delle ottime mosse, non tutte, di Trump)

In Stuzzicadentity abbiamo raccolto mesi di articoli e abbiamo tradotto per voi i più significativi. La nostra ricerca non si ferma mai e cerchiamo sempre di metterla a disposizione degli IMPRENDITORI CORAGGIOSI che vogliono “vincere” nei mercati ipercompetitivi odierni.

In Particolare abbiamo tradotto per voi cinque articoli di Al Ries, l’inventore del concetto di “Posizionamento” e fondatore della disciplina del neuro-marketing che introduce la SCIENZA psicologia nel campo delle strategie di marketing.

Se stai cercando un senso a quello che è successo nelle elezioni americane del 2016, non c’è niente di meglio da leggere.

Nota Importante prima di continuare: questo è un blog di marketing, non un blog politico. Non commentiamo nessuna visione dei candidati sulle tematiche politiche e nessuno di noi supporta pubblicamente nessun candidato. Scriviamo della elezione presidenziale americana perché si tratta di un gigantesco caso studio di marketing che si è sviluppato nel corso di molti anni.

Indice:

 

Trump vs Clinton: Il miglior candidato non vince, il miglior marketer sì

trump

Non si può discutere con lo slogan della Clinton – e questo è solo una parte del problema.

Indipendentemente da ciò che accade nel mese di Novembre, queste elezioni presidenziali saranno ricordate come testimonianza della potenza del marketing.

Come ha fatto un uomo d’affari senza alcuna esperienza politica a spingere se stesso in una posizione in grado di sconvolgere forse il politico con più esperienza del mondo?

La risposta è il marketing.

L’ingrediente più importante nel marketing è quello di picchiettare un’unica affermazione che differenzia il tuo brand da qualsiasi altro.

Amarlo o odiarlo, questo è esattamente quello che Donald Trump ha fatto, iniziando dal suo classico sproloquio contro gli immigrati messicani.

Sia Trump che Bernie Sanders hanno capito che la polemica crea news e che le news costruiscono il brand.

I media involontariamente hanno aiutano a costruire entrambi i loro brand, non soltanto riportando le loro dichiarazioni controverse, ma anche avendo problemi con molti di loro.

Hillary Clinton, d’altra parte, ha fatto uno dei più classici errori di marketing. Lei non si è focalizzata su di uno specifico problema. Né i suoi problemi hanno creato molte polemiche.

Difatti, lei ha cercato di fare appello a tutti dando via ogni tipo di chicche ai bambini, agli studenti, ai genitori e ai pensionati. Avrebbe dovuto dare ascolto al vecchio principio di marketing: “se tenti di fare colpo su tutti, sei in pericolo di non attrarre nessuno”.

Cosa significa veramente il suo slogan “l’unione fa la forza”?

Cosa significano i suoi precedenti slogan “Lottare per noi” o “Sono con lei”?

Non c’erano dubbi sullo slogan di Trump “Far diventare l’America di nuovo grande”, è controverso perché fa appello alle persone che non pensano che l’America sia sulla giusta via.

Crea controversie perché diventa un argomento di conversazione con le persone che pensano che l’America sta andando bene.

Chi può discutere sullo slogan di Hillary “l’unione fa la forza”? Non si crea alcuna controversia, né alcuna ragione per confutazioni.

Il suo slogan è così debole che Jesse Jackson nel suo discorso alla convention democratica ha cercato di darle una mano con un miscuglio suo: “É tempo di guarigione, é il momento di sperare, é il momento di Hillary”.

Molti degli altri oratori alla convention democratica hanno fatto il gioco di Trump. Il presidente Barack Obama, ha reagito allo slogan di Trump, insistendo che “l’America è già grande. L’America è già forte.”

E ha aggiunto: “vi prometto che la nostra forza, la nostra grandezza non dipende da Donald Trump.”

Ma, secondo l’ultimo rapporto Rasmussen, solo il 24% dei probabili elettori pensa che il paese sta andando nella giusta direzione. Così le parole del presidente Obama hanno rafforzato l’unico punto di forza di Trump.

Un candidato spesso vince o perde il primo giorno, il giorno che lui o lei getta il proverbiale cappello sul ring.

Quando Barack Obama ha annunciato il suo ingresso nella corsa presidenziale del 2008, ha martellato l’idea del cambiamento – “Nel cambiamento possiamo credere.” E poi ha concentrato tutta la sua campagna sulla stessa idea fino alle elezioni di novembre, che ha stravinto.

Hillary, d’altra parte, è stata dappertutto durante le primarie. Ha iniziato con “Grandi sfide, soluzioni reali: è tempo di scegliere un presidente”. Poi è passata a “Rinnovare la promessa americana”. E poi “per vincere”. E poi “Lavorare per il cambiamento, lavorare per voi!”. E poi ancora: “Conto alla rovescia per cambiare”. (un tentativo di contrapporre l’idea di Obama)

Poi è stato: “pronti per il cambiamento, pronti a guidare”. E poi “Soluzioni per l’America.” (ironicamente, lo stesso marketing indeciso che lei ha mostrato nella campagna 2016)

Ma è stato Trump veramente l’unico ad essersi soffermato su di un unico obiettivo? Non ha parlato anche di NATO, tasse, commercio ecc…?

Lui lo ha fatto certamente, ma questo è una delle realtà della campagna politica. La forza dei media ha forzato i candidati ad esprimersi su una serie di questioni. Ecco perché è estremamente importante per qualsiasi candidato politico stabilire un unico punto di forza sin dal primo giorno.

Sia che Trump vince o perde, gli esperti di marketing dovrebbero emulare il suo manuale utilizzando più polemiche nei loro annunci. In questi giorni, le campagne pubblicitarie sono state piuttosto blande. E forse questo è il motivo per cui molti brand affermati hanno perso quote di mercato su prodotti nuovi. In passato, gli esperti di marketing hanno spinto la situazione al limite.

Ricordate Clairon “È lei o non è lei” e Calvin Klein “Non c’è niente tra me e i miei Calvin” e Maidenform “Ho sognato che ero…nel mio reggiseno Maidenform”

Oppure Volkswagen “Pensa piccolo”?

Nel giorno in cui lo standard del settore automotive erano macchinone lucenti, la campagna VW era a dir poco scioccante. Titoli come “Rende la vostra casa più grande”, “Se sei a corto di gas, è facile da spingere”.

Il prodotto migliore non deve necessariamente vincere sul mercato. E la persona migliore non deve per forza vincere nell’arena politica.

Ma quello che fa vincere, il più delle volte è la strategia di marketing migliore.

Fonte: http://adage.com/article/campaign-trail/trump-clinton-person-win-marketer/305242/

Torna all’indice

Branding Politico – Previsioni 2016

Essere in corsa per diventare il Presidente degli Stati Uniti significa creare un brand che almeno il 51% del paese è disposto a comprare il giorno delle elezioni. Non è un compito facile in un paese grande e diversificato come l’America. Se il focus è troppo stretto non sarà possibile ottenere un voto di maggioranza.

Un focus ristretto costruisce un marchio, ma una base larga vince le elezioni. Il compito è enorme. Anche l’iPhone non ha una quota del 51% del mercato degli smartphone negli Stati Uniti.

La chiave per vincere le elezioni è trovare una questione abbastanza ristretta, ma anche abbastanza ampia da essere oggetto a diverse circoscrizioni elettorali.

George H.Bus: “Niente nuove tasse”

Bill Clinton: “È l’economia stupida”

Obama: “Cambiare” e “Avanti”

Le elezioni presidenziali durano 18 mesi, un’eternità in politica. Ma cavarsela con un buon inizio con il tuo brand, il tuo messaggio, il tuo visual è importante per ottenere un posto nella mente degli elettori.

Una delle tecniche di branding più efficaci è la ripetizione. Prima un candidato inchioda il marchio ripetendo e ripetendo il messaggio, meglio è. La coerenza di Obama nel 2008 rispetto ai molteplici messaggi di Hillary Clinton e John McCain l’ha aiutato a spingere per il successo.

link02a_6a00d8345194a469e201b8d1037dfe970c-320wiCredo nel potere del visual. Il martello visivo di Obama è stato estremamente efficace. Il successo di Obama ha spinto tutti i candidati politici di oggi ad essere desiderosi di costruire siti web, manifesti e account di social media usando i font giusti, i colori e i loghi. Loro hanno ovviamente assunto le migliori firme di design per creare elaborate brand-identity.

Ma a loro manca una cosa. Un potente visual non è quello che sembra il più interessante. Un visual potente è quello che comunica un’idea.

Quale idea ha il candidato che vuole imprimere? Obama voleva il “cambiamento” così il visual di un sole che sorge funzionava per comunicare l’idea in modo emozionale.

Hillary Clinton è una delle più famose figure politiche nel mondo. Aveva già partecipato alle presidenziali nel 2008 e aveva perso. Lei ha pianificato la sua campagna 2016 per un lungo periodo di tempo. Con l’aiuto dei migliori consulenti, per non parlare di Bill Clinton, si potrebbe pensare quindi che lei avrebbe trovato una grande idea da visualizzare.

Invece il suo messaggio pubblicato questa settimana è stato “Ogni giorno gli americani hanno bisogno di un campione. Voglio essere quel campione”. Può essere Hillary visiva per rappresentare tutti i giorni gli americani? Lei è quanto di più lontano ci può essere dalle esperienze degli americani di tutti giorni, quasi quanto la regina d’Inghilterra.

Dopo otto anni, con un partito politico che controlla la Casa Bianca, è difficile per un candidato della stessa parte vincere. Dopo Clinton, Al Gore perse. Dopo Bush, John Mc Cain ha perso. Dopo Obama, Hillary dovrà affrontare lo stesso problema.

O lei vuole continuare ciò che Obama ha iniziato. Che è come George H. Bush ha vinto la Casa Bianca dopo otto anni di Ronald Reagan. O lei deve posizionarsi ad offrire il cambiamento senza sembrare troppo critica nei confronti di Obama.

link02b_6a00d8345194a469e201b8d1037ea8970c-320wiQuesta settimana Hillary ha lanciato la sua campagna con un nuovo e audace visual. Un grande H blu con una freccia. Alcuni critici hanno detto che sembra un simbolo da ospedale o il logo di FedEx o una bandiera.

La questione non è se la H di Hillary è attraente o no. La freccia sembra andare in una direzione che indica la continuazione dell’amministrazione di Obama. Una freccia dice passiamo avanti. Che ricorda anche qualche reminiscenza dell’ “Avanti” della campagna di Obama 2012.

È questo che vuole comunicare? Vorrei pensare e sperare di no. Obama non è cosi popolare, la sua migliore possibilità è quella di concentrarsi sul cambiamento Ma non più sullo stesso.

Una freccia lungimirante è l’opposto di come molte persone la vedono. Votare per lei significa andare indietro, il ritorno dei Clinton alla Casa Bianca. Alcune persone, piace questa idea, ad altre no.

Hillary ha bisogno di sviluppare una solido slogan per la campagna prima e poi di cercare di visualizzare il logo dopo.

I repubblicani hanno avuto la via più facile.

Essere incombenti di solito è un vantaggio della politica. Essere il partito in carica è solitamente un vantaggio in politica.

Marco Rubio, è un giovane, dinamico, sbarbatelo della Florida che potrebbe essere la faccia del cambiamento. Rubio ha annunciato la sua corsa questa settimana con questo messaggio: “Sei pronto per un nuovo secolo americano?” e “ Chiamali tutti conservatori con l’atteggiamento del saper fare”.

Il primo slogan, lo posiziona come la scelta di una nuova generazione contro la Clinton come “la scelta del secolo scorso”. E il secondo lo posizione sull’incapacità di Washington di non portate a termine le cose.

Il suo visual è un’immagine rossa dell’americana mappa, utilizzata al posto del puntino sulla “i” in Rubio. Ma è così piccola che non riesci a vederla.

link02c_6a00d8345194a469e201b8d1038779970c-800wi

Rand Paul è il figlio di Ron Paul, l’ex deputato del Texas, candidato presidenziale passato e il volto del liberalismo. Rand Paul ha combattuto per separarsi dalle idee liberali del padre e ha veicolato un messaggio alle masse.

Anche se Rand Paul è un senatore del Kentucky, le sue connessioni liberare gli danno le credenziali da outsider. Il suo messaggio è “sconfiggere la macchina di Washington”.

L’idea è indirizzata alla macchina Clinton, così come a tutti i politici. È una buona strategia, ma riuscirà a convincere la maggioranza ad andare con lui? Potrebbe essere troppo radicale.

E qual’è il totale dei donatori nella sua homepage? Sembra che lui è più interessato ad essere una macchina di raccolta fondi. La grande immagine del dollaro è fonte di confusione dato il suo anticomunismo. Inizialmente pensavo che fosse uno di quei calcoli di debito. Rand ha anche una piccola fiamma rossa sopra il suo nome, una torcia della libertà, presumo. Troppo piccolo per vedere il collegamento al suo obiettivo di sconfiggere la macchina in modo significativo.

link02d_6a00d8345194a469e201bb081de2f1970d-800wi

Saranno lunghi  questi18 mesi di campagna elettorale, ma io sono entusiasta di osservare, commentare e naturalmente,  arriva il momento del giorno delle elezioni.

Fonte: http://www.ries.com/2015/04/political-branding-2016-preview/

Torna all’indice

Essere un candidato con un solo problema è smart marketing.

Non è un mistero che Tramp e Sanders stanno facendo così bene

Perché il male trionfi è sufficiente che le persone buone utilizzino scarse strategie di marketing.

Il famoso epigramma di Edmund Burke (con una lieve revisione) illustra l’importanza di un buon marketing nelle principali battaglie attuali.

Come può un estraneo senza esperienza politica (e un bizzarro passato negli affari) diventare il candidato presidenziale leader alle primarie repubblicane?

Ancora più difficili da capire sono le primarie democratiche. Come può un senatore relativamente sconosciuto del secondo stato più piccolo avere tanto successo nella competizione con la donna più famosa del mondo? E Bernie Sanders non è nemmeno un democratico.

Devi possedere una parola nella mente delle persone.

Quando gestivo un’agenzia di pubblicità, eravamo soliti verificare i posizionamenti dei prodotti nella mente dei clienti, chiamando le persone al telefono e ponendo loro una semplice domanda.

Sto per citare alcune marche e mi piacerebbe sapere quale singola parola associa a ciascuna delle seguenti marche.

Risposte tipiche:

  • BMW… Guida.
  • Volvo… Sicurezza.
  • Toyota… Affidabile.
  • Rolex… Costoso.

Il mercato degli orologi costosi, naturalmente, è dominato da Rolex. Eppure, mi chiedo quanti consulenti di marketing hanno suggerito a Rolex di introdurre orologi meno costosi al fine di ampliare il proprio mercato?

Che dire di Bernie Sanders?

Su quale parola ha costruito la sua campagna Bernie? Wall Street.

Citazione tipica:

Nel 2008, i contribuenti di questo paese hanno salvato Wall Street, perché ci hanno detto che erano “troppo grandi per fallire”. Eppure, oggi, oggi, tre delle quattro più grandi istituzioni finanziarie (JP Morgan Chase, Bank of America e Wells Fargo) sono quasi l’80 per cento più grandi di prima che li salvassimo perché erano troppo grandi per fallire. Se una banca è troppo grande per fallire, è troppo grande per esistere.

Tassare Wall Street, secondo Sanders, lo avrebbe aiutato a pagare tasse universitarie gratuite e altri programmi socialisti da lui proposti.

Allora, come ha reagito Hillary Clinton? Accusando Bernie Sanders di essere un candidato con un unico obiettivo. Titolo del numero del 13 febbraio 2016 del The New York Times: Hillary Clinton, spostando la linea di attacco, dipinge Bernie Sanders come un candidato con un unico obiettivo.

Sorpresa. Secondo le ultime stime, questo sconosciuto candidato con un unico obiettivo ha il 44 per cento dei delegati democratici a favore.

La storia si sta ripetendo?

Quello che sta succedendo nella corsa democratica sembra essere una ripetizione di ciò che è accaduto otto anni fa.

Nel 2008, Hillary Clinton ha affrontato un politico relativamente sconosciuto che svolgeva il suo primo mandato al Senato. Ma Barack Obama ha adottato la strategia migliore.

Invece di concentrare la sua campagna su Hillary Clinton, ha concentrato la sua campagna sugli otto anni di George Bush:

Il cambiamento in cui possiamo credere.

In altre parole, Barack Obama era un candidato con un unico obiettivo.

Allora, quale fu lo slogan di Hillary Clinton nel 2008? In realtà, utilizzò tre slogan, cosa tipica per un candidato con più obiettivi. Ne ricordate qualcuno? Probabilmente no.

  • Esperienza su cui potete contare.
  • Conto alla rovescia per il cambiamento.
  • Soluzioni per l’America.

Allora, qual è il suo slogan nel 2016? Ha iniziato con “Hillary per l’America” e nel frattempo si è spostata in “Combattere per voi”. Nessuno dei quali significa qualcosa di specifico nella mente degli elettori.

Quale parola definisce Donald Trump?

Immigrazione.

Donald Trump ha lanciato la sua campagna attaccando gli immigrati messicani. Stanno portando la droga. Stanno portando il crimine. Sono stupratori. E alcuni, presumo, sono brave persone.

Due settimane dopo, Donald Trump era al n.1 nei sondaggi.

Secondo le ultime stime, l’estraneo senza esperienza politica ha il 51 per cento dei delegati repubblicani a favore.

Una delle tattiche più potenti in una campagna di marketing è il dibattito.

Se riuscite a trovare un’idea che è controversa, spesso potete costruire un marchio intorno a quell’idea.

La controversia fa notizia. E le notizie costruiscono marche. Finora, Donald Trump ha ricevuto più di sei volte tanti PR quanti il suo avversario più vicino, Ted Cruz.

Ciò che funziona nei marchi politici funziona anche nei marchi di consumo. Prendete BMW, per esempio. Nel 1974, la BMW era una macchina importata relativamente sconosciuta. (N.11 delle importazioni in Europa).

L’anno successivo, la BMW ha lanciato la sua campagna pubblicitaria iconica.

Titolo della prima pubblicità:

L’auto perfetta in cui stare seduti contro l’auto definitiva da guidare.

La maggior parte dei funzionari si sarebbe rifiutata di pubblicare un tale annuncio. Mercedes-Benz, il nostro concorrente e compatriota, costruisce macchine in cui stare seduti? Che dire della 300 SL?

“L’auto definitiva da guidare” è un’affermazione esagerata? Certo, ma con un elemento di verità. L’esagerazione attira l’attenzione di potenziali clienti che si suddividono nella pretesa di estrarre l’elemento di verità. Questa è l’essenza di una buona idea di marketing.

Che cosa definisce gli altri 20 candidati?

All’inizio del ciclo elettorale di quest’anno, c’erano 22 candidati. Tre democratici e 19 repubblicani.

Considerate i 18 repubblicani che non sono Donald Trump. Vi ricordate uno dei loro slogan politici? Qui ce ne sono tre che potreste ricordare, perché sono semplicemente stupidi.

  1. Gilmore per l’America.
  2. Kasich per noi.
  3. Jeb!

Secondo quanto riportato dalla stampa, Jeb Bush ha speso 130 milioni di dollari nella sua campagna, fra cui 10 milioni di dollari per i consulenti. Ha anche cercato un secondo slogan Jeb può risolverlo, un’altra idea altrettanto blanda.

Qui ci sono gli altri 15 slogan.

  1. Un nuovo secolo americano.
  2. Credere di nuovo.
  3. Sconfiggere la macchina di Washington. Scatenare il sogno americano.
  4. Idee fresche per l’America.
  5. Dalla speranza a un terreno più elevato.
  6. Guarigione. Ispirazione. Rinascita.
  7. La leadership di cui ci si può fidare.
  8. Nuove possibilità. Una vera leadership.
  9. La gente sulla politica.
  10. Pronta ad essere il comandante in capo il primo giorno.
  11. Riforma. Crescita. Sicurezza.
  12. Riaccendere la promessa per l’America.
  13. Ripristinare il sogno americano per le famiglie operose.
  14. Dire le cose come stanno.
  15. Dobbiamo fare bene e rischiare le conseguenze.

Tre regole per uno slogan politico di successo.

  • Dibattito.
  • Dibattito.
  • Dibattito.

Quello che un candidato politico deve fare è creare le elezioni per il candidato. Non sul suo avversario. E il modo migliore per farlo è quello di concentrarsi su una questione controversa che è destinata a incitare gli avversari del candidato a colpire di nuovo.

Se fossi un candidato repubblicano candidato alla presidenza, vorrei utilizzare lo slogan,

“Gestiamo il paese come un’azienda.”

Ciò creerebbe lamentele immediate da ogni attivista anti-impresa. Le aziende stanno assumendo il controllo sull’America.

E vorrei martellare le inefficienze del governo. Negli ultimi 44 anni, Amtrak ha perso 45 miliardi di dollari. Negli ultimi otto anni, il servizio postale ha perso 52 miliardi di dollari. E l’anno scorso, il sistema di sicurezza sociale ha perso 84 miliardi di dollari. Quale società potrebbe rimanere in attività, se operasse come il governo?

Non c’è da stupirsi che il nostro debito nazionale ammonti a 19.206.989.942.597 dollari. O 59.418 dollari a persona.

Se fossi un candidato democratico in corsa come presidente, saprei con certezza che, dopo otto anni di Barack Obama, i repubblicani ci darebbero dentro con la necessità di “cambiamento”. Qualcosa di simile allo slogan di Donald Trump, “Rendere di nuovo grande l’America”.

Quindi il mio slogan potrebbe essere:

“Mantenere viva la rivoluzione di Obama.”

E vorrei usare le iniziali del battlecry (lo slogan) come un canto (KORA, KORA, KORA) il pubblico potrebbe utilizzarlo in tutti i miei raduni. (da Keep Obama’s Revolution Alive)

I tempi stanno cambiando.

Anni fa, un marchio sarebbe diventato di successo solo essendo ben conosciuto. Oggi, questo non basta. Per avere successo oggi, un marchio deve essere ben conosciuto per qualcosa.

Questo è vero in politica così come nei prodotti.

Fonte: http://adage.com/article/al-ries/a-issue-candidate-smart-marketing/303442/

Torna all’indice

 

Polarizzare, non demonizzare: Il segreto per la Politica e il Marketing

Cosa c’è di sbagliato nell’attaccare il tuo avversario?

Tutto.

elezioni usa 2016

Eppure la maggior parte dei consulenti politici la pensano in modo diverso. La maggior parte pensa che il modo migliore per vincere le elezioni è quello di parlare male del tuo avversario.

L’industria della pubblicità lo sa.

Diverse campagne pubblicitarie nazionali attaccano la competizione.

Semplicemente non funzionano.

Coca-Cola VS Pepsi

Supponiamo che la Coca-Cola fa una campagna attaccando la Pepsi con lo stesso sarcasmo usato da Donald Trump e Hillary Clinton.

Può una campagna anti-pepsi danneggiare il brand Pepsi-Cola?

Certamente, potrebbe. Ma potrebbe anche fare qualcosa di diverso.

E questo qualcosa sarebbe danneggiare il marchio Coca-Cola creando l’impressione che tutti i prodotti a base di cola sono cattivi.

È il bue che dà del cornuto.

Non è quello che è accaduto nella campagna presidenziale 2016? Gli indici di gradimento per entrambi i candidati sono tristi.

Ciò che è vero in politica, tuttavia, è che un serio candidato ha bisogno di menzionare il suo avversario. Ma significa offendere i suoi potenziali elettori e pretendere di essere l’unico candidato in gara. Ma c’è un modo per farlo senza denigrare l’avversario.

CONFRONTO, NON CONDANNA!

C’è un principio importante della comunicazione che dobbiamo mettere in questione. Quando ti trovi in una competizione con un altro individuo o un’altra marca, non sei un osservatore imparziale indipendente. Hai dei pregiudizi su di te e sul tuo marchio.

Il mio primo vero lavoro è stato nel reparto pubblicità della General Electric. E nella prima campagna importante ho lavorato sui trasformatori di distribuzione.

Il reparto vendite aveva preparato un promemoria, un confronto, comparando GE con i suoi principali concorrenti su un certo numero di caratteristiche del prodotto. Così abbiamo preso cinque caratteristiche chiave e abbiamo fatto cinque pubblicità, tutte con il titolo “tutti i trasformatori non sono uguali”

Ogni annuncio aveva un grafico che comparava GE con i suoi competitori in queste cinque caratteristiche.

Naturalmente, i trasformatori avevano tutte le cinque caratteristiche e nessuno dei competitori ne aveva più di una o due.

Il primo ostacolo è stato il direttore delle vendite che si lamentò del titolo.

“Perché non possiamo dire, che i trasformatoriGE sono i migliori?”

“Possiamo” dissi, “ma, questa è una campagna pubblicitaria General Electric e tutti sanno che I trasformatori GE sono i migliori. Preferisco che i lettori di questi annunci arrivino a questa conclusione per conto proprio.”

Fonte: http://adage.com/article/al-ries/polarize-demonize-secret-politics-marketing/306202/

Torna all’indice